LE MILLE FACCE DELL'ALTO POTENZIALE COGNITIVO

Quando diventi padre per la prima volta, vieni catapultato in un mondo completamente nuovo. Poi leggere tutti i libri che vuoi per cercare di essere preparato, ma poi scopri che di essere in un mondo completamente diverso da quello descritto, perché ogni bambino è unico ed anche ogni papà è unico.
Confronti, paragoni, tabelle e tappe
Dopo la prima grande emozione di veder nascere la tua prima figlia inizi a scontrarti con i primi confronti, con le prime tabelle, con i paragoni e con le fantastiche curve di crescita e le tappe evolutive. Tutti sanno cosa è meglio per il bebè. C'è la tabella per tutto. E se sei nella media sei felice. Se sei fuori sei preoccupato. Specialmente se sei al primo figlio.

Apparente tranquillità

2010 ha sempre (e lo fa ancora adesso) bruciato le tappe. Però essendo la prima non ci abbiamo fatto più di tanto caso. Se tua figlia non parla ti preoccupi. Se parla subito sei contento. Essendo una famiglia bilingue ci hanno sempre detto che le nostre figlie avrebbero iniziato a parlare tardi. 2010 ed anche 2013 e 2016 hanno iniziato a parlare subito.

Che fatica intrattenerla

2010 è sempre stato un vulcano. Dovevi organizzarti la giornata con mille attività per non farla annoiare. Subito brava a disegnare ritagliare e molto interessata ai libri. Non ha mai voluto dormire il pomeriggio. Per lei era una perdita di tempo. Cercava e cerca sempre il rapporto a due, anche nel giocare. I gruppi la mettevano a disagio.

Iniziano i pensieri

2010 non ha mai avuto un risveglio dolce. Quando di svegliava iniziava a piangere. Anche di notte ogni tanto piangeva, urlava e si dimenava. Pavor nocturno è il nome del disturbo. Crescendo il problema è sparito.
Però non ci aveva mai convinto completamente il motivo di questi pianti.

Gelosia

Con la nascita delle sorelle è arrivata la gelosia. Almeno cosi tutti ci dicevano. Però non capivano che anche prima dell'arrivo delle sorelle era così.... impegnativa.
Iperattiva
Anche questo ci hanno detto. Però la cosa non vi quadrava. L'iperattività c'era solo quando non eravamo a sua disposizione. Nel rapporto a due riusciva ad ascoltare un libro e disegnare seduta tranquilla anche per un'ora. Al nido, all'asilo e a scuola non ha mai dato segni di iperattività.

Viziata

Abbiamo pensato anche a questo. E ce lo hanno anche velatamente detto. Ma la nostra domanda era. È possibile viziare una bambina regalandogli del tempo. Quel famoso tempo di qualità che tutti raccomandano???

Bullismo

All'asilo è stata vittima di bullismo, cosa che ci ha portato a cambiare asilo. Una brutta esperienza che non auguro a nessuno. Ma perché lei?? Le maestre non avevano notato niente. Era lei la vittima o lei si metteva in mezzo per difendere? Domande a cui non siamo riusciti a dare risposta.

Mille domande....nessuna risposta

Per esclusione siamo arrivati all'ipersensibilità e poi all'alto potenziale cognitivo. Leggendo vari articoli e libri tutto iniziava a quadrare. Anche se molti punti rimanevano aperti. La fortuna di conoscere perfettamente il tedesco ci ha portato ad una visione dell'alto potenziale cognitivo completamente diversa da quella canonica dei geni.

La mamma

L'alto potenziale cognitivo o plus dotazione la si associa spesso alla matematica, alla logica, alla memoria, alle grandi capacità. In realtà chi è plus dotato ha un modo di pensare completamente diverso e spesso incompatibile con gli altri. Se non si impara ad usare questo modo di pensare si rischia di non vivere in pieno l'alto potenziale che è in te. Con il rischio di vivere male. Mia moglie, cercando di capire 2010, ha scoperto di essere plus dotata. Il problema che la plus dotazione va allenata ed accompagnata.

Tutto il contrario di tutto

Nel mondo tedesco la plus dotazione non è associata solo vai bambini, ma anche agli adulti. Ci sono un sacco di adulti plus dotati che non sanno di esserlo. Inoltre tra la media ed i geni ci sono una miriade di plus dotati.
Abbiamo bisogno di risposte
Un giorno, nella classica ricerca di risposte nel mare di internet, siamo finiti sul sito dell'università di Monaco. Ci si è aperta una possibilità di avere le risposte che cercavamo. E così abbiamo scritto una e-mail ed è iniziata una piccola avventura.

Il questionario

Per prima cosa ci inviano un questionario. Abbastanza lungo. Un sacco di informazioni personali. Lo compiliamo con attenzione. Cercando di essere i più imparziale. Senza enfatizzare troppo. Anche perché 2010 non è un tipico genio. Piuttosto una a cui viene tutto facile.

La risposta

Dopo qualche settimana, arriva la risposta dell'università. Se vogliamo possiamo fare il test per vedere se 2010 è plus dotata. Dal questionario sono emersi alcuni aspetti che possono fare pensare che 2010 sia plus dotata. Ci scambiamo qualche email. Non volevamo che 2010 si sentisse sotto esame. A noi interessava capire come renderla felice non avere un attestato di plus dotazione. Abbiamo trovato delle persone molto attente alle nostre esigenze, ed abbiamo fissato un appuntamento.
Una piccola vacanza a Monaco
Non abbiamo fatto il viaggio solo per il test. Abbiamo organizzato una piccola vacanza. L'ultimo giorno c'era una sorpresa. 2010 e la mamma avrebbero trascorsi tutto il giorno all'università per un gioco da fare insieme. Io sono stato con 2013 e 2016 in giro per l'Englischer Garten.

Che figata

Dopo tutto un giorno ho ritrovato mia moglie e 2010 molto felici. 2010 entusiasta di quello che aveva fatto e la moglie felice di aver ottenuto alcune risposte. Adesso si doveva aspettare solo la relazione finale. Come si voleva dimostrare 2010 ha fatto venire alcuni dubbia anche a loro. Perché sbaglia le cose facili, e fa giuste quelle difficili??

La risposta

Dopo qualche settimana è arrivata la risposta. 2010 è risultata nel limbo tra normalità e plus dotazione. Il test verteva in diverse aree tematiche in alcune era molto vicina al 130 in altre no. Nella matematica ha sbagliato le cose semplici e fatto corrette le cose difficili. Infatti si erano accorte che sulle cose facili rispondeva velocemente, mentre su quelle difficili si metteva a pensare. 

Ed adesso

Nella relazione consigliavano di parlarne con la scuola. Cosa che escludo conoscendo 2010. Lei vuole essere normale. Non ama le insegne luminose sopra di lei ne tantomeno le gelosie 
Rimaniamo noi. Abbiamo una risposta parziale. È potenzialmente plus dotata. Ha bisogno di allenare queste sue doti e cercheremo di aiutarla a sfruttarle in positivo. Ma non vogliamo insistere. Otterremo l'esatto contrario. 

Commenti

  1. Molto molto interessante. Bravi per il modo in cui avete affrontato la questione, con attenzione e sensibilità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è stato facile e non è facile. Diciamo che navighiamo a vista. L'argomento è vasto e trattato in modo molto diverso. Ci sentiamo un pò isolati. Diciamo che per adesso la vita con 2010 è come un giro sulle montagne russe.....
      Un saluto
      Lorenzo

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

VIAGGIARE - I MIEI ALLOGGI PREFERITI

Una promessa che pesa come un macigno

HO MAL DI TESTA