Post

Punto

E dunque siamo arrivati al punto. L'avventura è nata con la scoperta dell'ascoltare. Ho imparato un sacco ascoltando, ma ho anche ricevuto delusioni. La vita è così. Diventare genitori e poi crescere con i propri figli è una avventura fatta di mille capitoli. Un libro che rileggendolo ti fa sorridere di problemi insuperabili, commuovere per momenti che non si ripeteranno mai più, riflettere di situazioni che si ripetono. Un libro che bello o brutto che sia è il tuo libro, con capitoli che dovranno ancora essere scritti.Ma dove sono adesso, dove sono arrivato, cosa ho capito? Difficile da dirsi, però un po' di cose le ho imparare a mie spese, forse alcune potranno essere utili a voi lettori e lettrici, altre saranno ovvie, altre patetiche, altre condivisibili ed altre no, ma queste sono le mie. Ascoltate tutti, ma credete solo a voi stessi.Troverete molti esperti lungo la vostra strada. Ascoltate, imparate, provate, ma ricordatevi che voi ed i vostri figli siete unici.Accett…

DAD o DFDG la mia esperienza

Di questi tempi si parla sempre più spesso di DAD. Nella provincia in cui vivo ancora di più visto che stanno fornendo un servizio di emergenza all'interno delle scuole per aiutare i genitori che devono lavorare e non sanno a chi lasciare i figli. Tralasciando la polemica, oggi voglio descrivere la mia esperienza con la DAD.DAD (didattica a distanza)Proprio ieri, dopo aver letto le motivazioni per cui tutte le scuole di lingua italiana non avrebbero fornito il servizio di emergenza, mi sono chiesto: "che cosa significa didattica?" Il buon Google mi risponde dicendo "Parte della pedagogia che ha per oggetto l'insegnamento e i relativi metodi." Quindi desumo che fare didattica significa insegnare. Fare didattica a distanza significa insegnare a distanza. Secondo voi, fornire via emailmemail ai bambini e ragazzi (per materiale intendo testi, video, etc) sui quali poi devono svolgere dei compiti è didattica? Fare videolezioni di 30 Min due volte a settimana significa…

QUARANTENA ED IPERSENSIBILITA'

Spesso parlo di ipersensibilità, perchè siamo una famiglia di ipersensibili. Ho scoperto l'ipersensibilità grazie a 2010. Ho letto molto sull'argomento, ma ogni volto trovo qualche informazione o qualche sfumatura che descrive alla perfezione uno dei componenti della mia famiglia. Basta pensare che il 15-20% della popolazione è ipersensibili, quindi non è una caratteristica così rara. Raro invece è saperci convivere con estrema serenità. In questi giorni di convivenza assidua (anche se adesso la morsa si sta piano piano allentando) ho pensato: "cavoli la maggior parte dei libri parla sempre di situazioni con figli unici, o con al massimo due fratelli o sorelle". Essere in tre non è così straordinario, ci sono moltissime famiglie con tra figli e ci sono moltissime famiglie anche con più di tre figlie, però questa cosa dell'ipersensibilità rende un più complicate le cose. Leggendo qua e la in internet ho trovato questo testo scritto dalla Dott.ssa Elaine N. Aron (q…

LE PAURE COME NASCONO E SI AMPLIFICANO

Oggi voglio raccontarvi come ho visto nascere una paura e come le varie vicissitudini l'abbiano alimentata.
La protagonista è 2010.
La paura è il Pronto Soccorso e le Ambulanze.
Episodio 1Nel 2014 ho dovuto portare al Pronto Soccorso la mamma. 2010 aveva 3 anni e 2013 non aveva neanche un anno. Bimbe dai nonni ed io porto la mamma al Pronto Soccorso. Avevo promesso a 2013 che sarei passato a prenderle e non avrebbero dormito dai nonni. Così feci, ma la mamma la ricoverarono. 5 giorni in ospedale è rimasta. Ogni giorno 2010 mi chiedeva quando sarebbe tornata. Domani rispondevo. Anche se non lo sapevo. All'epoca non sapevo neanche che 2010 era ipersensibile e che sapeva benissimo che mentivo e non sapevo quando la mamma sarebbe tornata. Episodio 2Nel 2014, 2010 cade all'asilo. Noi non lo sapevamo. Le maestre non hanno visto niente. Nella notte si sveglia urlando. Mamma ho mal di testa. Piangeva. Tra una frase e l'altra viene fuori che aveva sbattuto la testa all'asilo. E…

SI SONO ANCORA DIMENTICATI

Siamo seduti sul divano e mia moglie mi dice: 
"Stanno chiamando tutti i ministri.....ma quello dell'istruzione manco lo chiamano?"
Ieri sera la scuola non è stata menzionata, questa mattina la scuola non è stata menzionata.
Quando è stato l'ultima volta che hanno parlato della scuola?
Ricomincerà a settembre. Questo è quello che hanno detto.
Hanno anche detto che ci sarà, forse, un nuovo picco di contagi, dopo l'estate.
Quindi a settembre ci sarà un nuovo picco di contagi.
Quindi a settembre cosa facciamo? Richiudiamo la scuola prima di aprirla?
Ma del diritto allo studio non si parla?
Il problema non è la scuola. La questione è che non si parla mai dei bambini.
Se li sono dimenticati. E non solo dei bambini, anche degli adolescenti, dei ragazzi.
Oggi 2010 ha fatto la sua prima videolezione. E' stato il primo giorno che ha fatto senza nessun problema i compiti. Gli mancava la lezione. Gli mancava il rapporto con l'insegnante. Gli mancava il confronto con i compagni…

RITORNO A SCUOLA

Questa mattina 2013 è andata a scuola. Era emozionatissima e contentissima. Aveva voglia di rivedere le maestre. Prima di uscire si è messa la sua mascherina. Un pò troppo grande per il suo visino. A manina con la mamma sono uscite. Arrivate a scuola hanno aspettato il loro turno per entrare. Una volta entrate hanno ritrovato le maestre. Sorrisi coperti dalle mascherine. Ma anche gli occhi trasmettono sorrisi. Le maestre avevano già preparato tutto. Un paio di sacchettoni con tutte le cose che erano rimaste a scuola. I disegni fatti, i quaderni, le scarpe da ginnastica, il cuscino, la borraccia. Tutto. Le pareti della scuola erano state svuotate. Un giugno anticipato. Un fine anno scolastico anticipato. Poche cose che fanno capire che per quest'anno scolastico i banchi di scuola non li vedranno più.
Tornata a casa 2013 era contentissima. Mi ha fatto vedere tutti i suoi disegni. Mi ha raccontato delle maestre e della scuola. Per lei un primo anno scolastico molto particolare. Molto …

RIPARTENZE LONTANE

In questi giorni si parla solo di ripartire. L'economia deve ripartire. Tutto deve ripartire. A no aspettate. Non tutto. La scuola non riparte. È stata la prima a chiudere e sarà l'ultima (forse) a ripartire.
Quando chiusero le scuole dissi "hanno fatto chiudere la cosa più semplice, l'unica cosa che non incide sull'economia".
Adesso tutti vogliono ripartire. Tutte le associazioni di categoria urlano la necessità di ripartire. Tutte spingono. Tutte. Anzi no. Non proprio tutte. Gli insegnanti non si sentono. Forse sono distratto io, ma proprio non li ho sentiti. I genitori si. Loro chiedono di ripartire con la scuola. Altrimenti a chi lasciano i figli quando riapriranno tutti i settori? Ai nonni? No! Loro in isolamento fino a data da destinarsi.
E gli insegnanti dove sono. Perché non si fanno sentire? In fin dei conti anche loro sono a casa, non possono lavorare, sono senza stipendio. No, scusate, quello loro lo hanno sempre avuto. Però hanno continuato ad insegn…