NON SI FINISCE MAI DI IMPARARE

Chi ha la fortuna di essere genitore, sa cosa intendo quando dico "Non si finisce mai di imparare". Quando mi dicono "che sono un esperto" solo perché ho tre figlie, mi viene da sorridere. Forse ho avuto più esperienze, ma vi posso assicurare che sono state tutte diverse. Ogni figlia è stata una storia a sé.

Un'altra novità

2016 é in una fase molto particolare. Si è rotta del nido e non ci vuole più andare. "Mi annoio" ha detto la nana. Ma questa non è una novità per noi. Vuole stare sempre in braccio. E questa anche non è una novità. Tutti i bimbi hanno questa fase. Ma la vera novità è la sua "resistenza". Cosa intendo per "resistenza"? Diciamo che se non ottiene quello che vuole parte con un capriccio di notevole durata.

Ma quale novità

Si è vero, tutti i bambini fanno capricci, ed anche 2010 e 2013 li hanno fatti. Ma lei è "resistente". L'ignorare che ha funzionato per le altre per lei sembra essere della benzina sul fuoco. Non sono sicuro che siano solo capricci, per questo motivo per me è una novità.

Ed allora cosa è?

Solo per il fatto che abbia quasi tre anni, si potrebbero escludere fasi che di solito sono tipiche di altre età, però ho l'impressione che stia imitando 2010 che è in piena fase di autodeterminazione. 2016 è molto legata ed affascinata da 2010 e la segue come un cagnolino. Quello che fa 2010 vuole fare anche 2016. Quando riceve un no (in fin dei conti le ha quasi 3 anni, ma l'altra ne ha quasi 9), allora parte il capriccio o meglio esterna la sua frustrazione con pianti disperati e richiesta di stare in braccio.

Questa domenica.

Considerate che 2016 non è per niente pigra, ma quando si tratta di camminare, dopo un po' vuole venire in braccio. Passeggino no, zaino no. Solo braccio. Questa domenica ci siamo impuntati, ma ha urlato per buoni 500 metri mentre rincorreva la mamma. Ma perché sempre in braccio? Semplice, quando siamo in montagna 2010 è la classica lepre. Sempre davanti o fuori il sentiero. 2016 non riesce a seguirla ed allora vuole un mezzo che la porti e le faccia vedere 2010, quindi in braccio alla mamma. E perché no il passeggino? Perché provoca sonnolenza.  E perchè no lo zaino? Perché non vede 2010. E perché no il papà? Questo non lo so. 

Soluzioni

Per ora non lo so. Prossima gita punto a chiedere a 2010 un aiuto. Forse se 2010 fa da accompagnatrice a 2016 le cose andranno meglio.....sperando che 2013 non si senta esclusa.

Commenti

  1. chiedi a 2010 di tenerle la mano e camminare con lei, almeno per un pò. Con i miei funziona...certo, per un quarto d'ora al massimo, ma è meglio di niente!!!

    RispondiElimina
  2. Ottima idea, sarebbe già un passo avanti.
    Un saluto
    Lorenzo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Una promessa che pesa come un macigno

UN RIGIDO IMBECILLE

ACCONTENTIAMOCI