Se vuoi la Privacy....chiudi a chiave

In questo Post non vi faccio attendere fino all'ultima frase per avere il mio fantastico suggerimento, ma ve l´ho messo subito nel titolo. Oggi vi voglio parlare di Privacy a casa. Penso non esista genitore che non si d'accorto con me nel dire che con l'arrivo dei figli la Privacy diventa un qualcosa di non ben definito. Non c'è momento che non sia accompagnato dalla presenza dei figli. Le porte sono costantemente aperte. Se provi a chiuderle dopo circa 30 secondi hai un esserino strillante che urla "mammaaaaaaa!", se non arriva ancora alla maniglia, altrimenti apre ed entra pacificamente dimenticando di bussare.

TEMPISMO PERFETTO

Poi solitamente entrano sempre nei momenti meno opportuni. Se sei in doccia riescono ad entrare silenziosi mentre ti stai lavando i capelli, con lo shampoo che ti fa chiudere gli occhi. Tutto di colpo senti la cabina doccia ghiacciarsi ed appena ti sciacqui ti accorgi che c'è una nana che ti ha aperto la cabina della doccia e sta guardando. Io, poi, da maschio che condivide la casa con ben 4 femmine non ho più il piacere di fare una bella pisciata in piedi. Come le donne mi devo sedere. Perchè? Semplice a metà pisciata spalancano la porta per farti vedere la nuova pettinatura della Barbie.

INTIMITÀ

E non parliamo dell'intimità di coppia. Visto che ne ho tre, sono riuscito a ritagliarmi momenti di intimità, non lo nego, ma sembravamo dei liceali che lo facevano di nascosto nella palestra della scuola (non ho mai fatto sesso a scuola era solo una metafora, poi non sono nemmeno stato un liceale). Quando erano nel periodo dell'allattamento, avevano un sensore collegato alle tette della mamma. Non potevo avvicinarle che iniziavano a piangere.

IN BAGNO IN COMPAGNIA

Andare in bagno è diventato poi un momento conviviale. Giustamente se tu ti metti a leggergli la storia per farle stare tranquille sul water per fare la cacca, perchè non dovrebbero fare altrettanto con te. Così appena ti siedi, e pensi "finalmente 5 minuti di pace", loro arrivano con un bel libro a tenerti compagnia. Appena la mamma va in bagno "dove è la mamma?" "E´ in bagno, non entrare" "ma devo dirgli una cosa importante". Tutto diventa importante nel momento che ti siedi sul water.
Ormai il nostro bagno è un confessionale.

ED ALLORA

Chiudete la porta. Semplice. Siete in bagno? Chiudete la porta. Fate la doccia? Chiudete la porta. Volete un momento di intimità? Chiudete la porta (e magari aspettate anche che dormono). L'unico inconveniente è che la porta diventa una specie di muro del pianto. Però vuoi mettere un po' di Privacy?

Commenti

Post popolari in questo blog

UN RIGIDO IMBECILLE

DISCUSSIONI

APPARENTI APPARENZE